Doveva essere la gara della ripartenza, così è stata: priva di Ohenhen e Hassan per infortunio e Truccolo per l'arrivo di una 'Truccolina' (auguri Ricky!), la truppa di coach Pillastrini soffre i primi 5' poi scioglie misura e domina in lungo e in largo la gara contro una Virtus Padova che arrivava a Cividale in piena fiducia.

È proprio Padova ad iniziare meglio, portandosi subito 3-0 con una conclusione da oltre l'arco di De Nicolao; Battistini tiene a galla Cividale che ha cominciato un po' timorosa dietro (4-3), poi parziale di 7-0 per Padova frutto di entusiasmo offensivo e aggressività difensiva patavina.

Due triple di Cassese e una di Barbon accorciano le distanze (10-13 al 6'), da lì però è uno show ducale che con difesa più aggressiva e attacco più preciso chiude il quarto con un parziale positivo di 8-0 (18-13 al 10'), grazie anche all'apporto degli 'under' Enrico Micalich e Pietro Agostini, che portano energia in difesa e qualche punto in attacco.

Nel secondo quarto Chiera e Rota portano la Gesteco sul +10 (24-14); Michele Ferrari dà ai suoi punti ed esperienza, ma Padova litiga con il canestro anche dalla lunetta e Cividale si porta sul 33-19. un paio di errori di Agostini (canestro da sotto e infrazione di passi) interrompono l'inerzia friulana; Padova si riporta a -6 (33-27) prima che un canestro di Chiera da sotto sigilli il primo tempo sul 35-27.

Il temuto terzo periodo ducale, sempre foriero di grandi difficoltà, risulta invece decisivo in senso positivo per la Gesteco: salgono in cattedra Chiera e Battistini in attacco e la difesa tutta, comandata da un sontuoso Miani: Padova trova solo tiri forzati, e il divario si dilata. 42-31 al 2', 50-37 al 5', 58-40 al 6'26'' con una schiacciata di Battistini. Padova prova la difesa a zona per limitare gli avanti ducali e qualcosa si vede, ma il tempo finisce sul 62-43 per Gesteco.

Ultimo periodo in cui l'Antenore prova ad accorciare il divario con le conclusioni pesanti: De Nicolao e Pellicano si sentono in fiducia e il divario si assottiglia, complice un attacco cividalese che stenta a trovare soluzioni contro la zona di coach Rubini. A 4' dalla fine siamo sul 72-60 quando Battistini, autore dell'ennesima prova da doppia doppia, realizza da sotto un canestro di pura energia che stoppa il parziale padovano (8-0) e riporta l'inerzia dalla parte dei suoi. Il vantaggio Gesteco si dilata di nuovo, raggiungendo i 19 punti (81-62). Ferrari fa 1 su 2 dalla linea della carità e la gara si chiude sull'81-63 Cividale.

Per la Gesteco, sugli scudi Battistini (19pt, 12 rimbalzi) e Chiera (29 punti, 7/7 da due, 5/11 da tre); 17 i punti di De Nicolao per gli ospiti.

Da notare l'esordio in stagione per Matteo Minisini: bravo Mini!

UEB GESTECO CIVIDALE - ANTENORE ENERGIA VIRTUS PADOVA -

(PARZIALI: 18-13; 17-14; 27-16; 19-20) 

Ueb Gesteco Cividale: Ohenhen N.E., Miani 8, Chiera 29, Cassese 6, Rota 9, Battistini 19, Fattori 8, Micalich, Minisini, Agostini 2, Hassan N.E., Barel N.E. Allenatore Pillastrini 

Tiri da due 21/35; da tre 11/31; tiri liberi 6/9. Rimbalzi 40 (12+28); falli commessi 18. 

Antenore Energia Virtus Padova : Schiavon 3, De Nicolao 17, Barbon 7, Bianconi 3, Bocconcelli 11, Pellicano 6, Morgillo 9, Rizzi, Ferrari 7, Fiore N.E., Marangon N.E.

Tiri da due 16/36; da tre 7/27; tiri liberi 10/19. Rimbalzi 43 (18+25); falli commessi 16

UEB Gesteco sabato contro la Virtus Padova
Aquile in volo verso Monfalcone