Al PalaGesteco non si passa: questo pare essere il messaggio che Cividale lancia in questo campionato, in cui in casa ha collezionato solo vittorie.

Anche contro un'ostica Vega Mestre, reduce da una sconfitta di misura in casa Rucker, la legge di Via Perusini si conferma.

La gara inizia 'di buzzo buono' per Cividale: 4-0 con buona presenza in difesa. Reagisce Mestre con un 2+1 di Spizzichini, che riavvicina i suoi. Cassese e Miani fanno 8-3 al 4', poi la prima tripla mestrina d opera di Rinaldi fa capire che Vega è viva. Riallunga Gesteco, prima 11-6 poi 15-10 con una tripla allo scadere di Hassan che porta Cividale a +8 (18-10 all'8). Cividale lavora bene in attacco nonostante alcune amnesie di Fattori, mentre in difesa concede qualche tiro facile a Mestre. Il primo quarto si chiude 25-14.

Nel secondo periodo, Cividale si smarrisce in attacco e Vega ne approfitta, mangiando punto su punto; i ragazzi di coach Volpato trovano punti da tanti e dal 27-18 del 1' si passa al 29-24 del 4' con la tripla di Dal Pos; Spizzichini trova il -3, e Maran sbaglia la tripla del pareggio. Di lì in poi Gesteco ritrova un po' di verve in attacco; Volpato esagera con le proteste e prende un fallo tecnico: al 7' Cassese realizza il 35-28, che diventa 40-30 all'ultima azione di Mestre che realizza allo scadere con Segato il 40-32 con cui si chiudono i primi 20 minuti di gioco.

Il terzo quarto, spesso croce più che delizia della formazione ducale, si svolge all'insegna di Eugenio Rota che gestisce, ruba palloni, segna e fa segnare; la Gesteco ne beneficia e si porta 50-39 e poi 52-41 al 5' di gioco. Allunga sul 54-41 con un 2+1 di Rota, poi 57-41 con la tripla ancora del play di Portogruaro.

Rampado trova la tripla del -13 che rimette in gioco Mestre: da lì in poi, come nel primo tempo, i ragazzi di coach Volpato si dimostrano volitivi e rimettono in discussione la gara, chiudendo il tempo sotto di soli 7 punti (62-55 Gesteco).

Il periodo decisivo si apre con lo svantaggio minimo (5 punti) firmato da Spatti; Fattori e Rota dalla lunga distanza riaprono il divario (68-57 allo scadere del 1' di gioco); Rota recupera un'altra palla e firma il +13 ma dal Pos, Spatti e Salvato riportano Mestre a -5 (70-65 al 4'30''). Ci pensa Chiera, con una tripla dalla spalletta del Ponte del Diavolo, a ridare 8 punti di vantaggio ai suoi (73-65); gli scudi della difesa ducale si alzano, Mestre fa sempre più fatica e Chiera, ancora dal centro di Cividale, fa +15 (80-65). Gli ultimi minuti servono solo a far giocare i giovani (Gattolini e Minisini per Gesteco, Povelato per gli ospiti) e a registrare un inutile fallo volontario di Spizzichini su Chiera, evidentemente nervoso 'di suo', a gara ampiamente compromessa.

Top scorer Gesteco Battistini (17+12 rimbalzi) e Rota (17); 14 di Rinaldi e Spatti per gli ospiti.

 

Ueb Gesteco Cividale - Vega Mestre 84-67

(parziali: 25-14; 15-18; 22-23; 22-12)

UEB Gesteco Cividale: Agostini, Ohenhen N.E., Minisini, Miani 13, Chiera 14, Cassese 7, Rota 17, Gattolini, Battistini 17, Fattori 8, Hassan 8, Micalich.
Tiri da due 23/38; tiri da tre 10/33; Tiri liberi 12/14 - Rimbalzi 35 (16+19) - Assist 18

Vega Mestre: dal Pos 12, Volpato, Spatti 14, Maran 4, Segato 2, Pinton N.E. , Gomirato N.E., Rinaldi 14, Rampado 3, Salvato 5, Povelato, Spizzichini 13

Tiri da due 20/33; tiri da tre 6/16; Tiri liberi 9/11 - Rimbalzi 28 (5+23) - Assist 11

 

Sabato alle 19.30 arriva al PalaGesteco la Vega Mestre
Le Eagles all'assalto della capolista